Menu
Menu

I colori di Siviglia

Back to blog list

Giallo, rosso, azzurro e ancora verde arancione e blu: ovunque mi voltassi era un tripudio di colori.

Siviglia è così, una città allegra di cui è impossibile non innamorarsi.

I fiori, le facciate degli edifici, i pavimenti: tutto attorno a me aveva tinte vivaci. Ho attraversato le vie della città a piedi con un gruppo di amici soffermandomi di volta in volta nei posti che colpivano la mia attenzione: Giardini segreti da ammirare attraverso cancelli in ferro battuto, maioliche dipinte a mano usate come rivestimenti per pareti e pavimenti interi e poi distese di piante che fiorivano rigogliose.

Ma c’è un posto che più di tutti ha rubato il mio cuore: il Real Alcazar, ovvero il Palazzo Reale originariamente forte dei Mori e successivamente dimora dei monarchi spagnoli. Il palazzo, in tutta la sua bellezza, è il risultato finale dell’avvicendarsi di sovrani dalle diverse provenienze. E’ infatti caratterizzato dalla sovrapposizione di stili differenti: islamico rinascimentale e gotico. Dei veri e propri layer di colori e tradizioni. Varcata la soglia della Puerta del Leon inizia un percoso alla scoperta delle aree del palazzo: il Patio de las Doncellas, Los Banos de Dona Maria de Padilla e la Casa de Contratacion rispettivamente il Cortile delle Fanciulle, i Bagni di Donna María de Padilla e la Casa del Commercio. Il tutto incorniciato da un maestoso giardino in cui perdersi tra aranceti roseti e palme.

 IMG_5496

IMG_5597IMG_5551IMG_5397

0 comments

Here is no comments for now.

Leave a reply